vaccino

Ridurre i rischi da Vaccino nei Neonati

000000

Di Nu Burg: E’ facile essere pro o contro i vaccini: sono posizioni estreme e spesso vengono prese in modo ideologico o emotivo. Ma i genitori che hanno deciso di vaccinare, io mi rivolgo a loro, con questi spunti per poter tutelare comunque i loro bambini. Le scelte vanno fatte sempre con grande cognizione di causa. Che siano pro o che siano contro. Questo documento è per chi ha scelto di farlo ed è un documento rispettoso per chi, da amica o da sorella, o da conoscente, vuole aiutare realmente tutte quelle madri e quei padri che hanno scelto di vaccinare. Avere cognizione di causa è una scelta molto responsabile, perchè al di la dei pro e dei contro, occorre soprattutto far si che una pratica non nuoccia. E’ fatta premessa che questa pagina non nasce per dissuadere i genitori dalle pratiche di vaccinazione, ma semplicemente come un promemoria, un elenco di consigli pratici, per cercare di ridurre al minimo i rischi legati alle vaccinazioni, soprattutto in bambini geneticamente predisposti ad avere difese immunitarie immature, che abbiano avuto una storia di gestazione e nascita difficoltosa o che abbiano alla nascita ricevuto diagnosi con implicazioni neurologiche, bambini nati sottopeso, con sofferenza, con la presenza in famiglia, di dislessie, disprassie, autismo.

è vietato il copia incolla, è possibile linkare la pagina. http://www.nuburg.it/autismo/vaccino/

1 Utilizzare vaccini senza conservanti come Mercurio, Alluminio, Piombo o altri additivi neuro-tossici. Nemmeno come residui di lavorazione, leggete quindi attentamente ogni scritta riportata nella confezione, chiedete preventivamente, il nome del vaccino che verrà usato e fate le vostre ricerche in merito: i vaccini contenenti mercurio vengono ancora prodotti o distribuiti, sono ancora in commercio. Ricordatevi che conservanti neurotossici potrebbero essere comunque presente come residui di lavorazione, e quindi senza obbligo di segnalazione. Occorre la certezza.

2 Evitate la somministrazione di vaccini combinati: gli effetti collaterali si sommano, mentre l’unico beneficio è la praticità e l’evitare di andare alla ASL qualche volta in piu’. Somministrare assieme non aumenta l’efficacia del vaccino. Inoltre potreste voler vaccinare per la pertosse ma non per la rosolia: questa scelta dovete poterla fare. Per voi potrebbe non aver senso vaccinare un neonato maschio sano contro la rosolia.

3 Chiedete un programma di vaccinazione più distanziato – non somministrate vaccinazioni multiple nello stesso giorno. Alcuni bambini non sono in grado di smaltire il carico tossico, per qualcuno è invalidante a vita, potreste accorgervi dei danni neurologici anche a distanza di molti anni, quando al bambino verranno richieste abilità specifiche e specializzate come parlare, camminare, difendersi, la lettura, la scrittura, la capacità di formulare concetti.

4 Se si decide di somministrarlo, separare le 3 componenti del vaccino MMR: esistono in commercio anche separate, quindi chiedete come ottenerle separatamente

5 Chiedete espressamente di utilizzare vaccini contenuti in fialette monodose . Per monodose si intende: la fiala solo per il vostro bambino, e non attinta da un boccettone unico: le sostanze tossiche potrebbero concentrarsi sul fondo

6 Chiedete di non vaccinare i bambini piccolissimi, soprattutto se nati prematuri, se hanno avuto una nascita complessa o hanno problemi di salute, soprattutto se legati ad una qualche immaturità neurologica o sofferenze alla nascita. Stabilite un programma di vaccinazione più lento e distanziato. Vaccinare potrebbe non essere obbligatorio, nella vostra regione e quindi nessuno potrebbe rispondere dei danni causati da una errata e frettolosa pratica di vaccinazione.

7 Prendete ogni precauzione se si è verificata una precedente reazione negativa. (febbre, dolori diffusi, sonnolenza atipica, inappetenza, convulsioni, tremori… )

8 Non vaccinare bambini ammalati o in via di guarigione da infezioni o malattie esantematiche, soprattutto se è stato somministrato antibiotico. Molti bambini hanno avuto problemi neurologici proprio a seguito di vaccinazioni in concomitanza di malattie ed antibiotici.

09 Non somministrare vaccini contenenti virus vivi in bambini immunosoppressi

10 Se il bambino è un soggetto allergico, verificate che non vi siano allergeni noti nei vaccini che gli verranno somministrati . Assicuratevi dunque che il bambino non abbia una di queste allergie: uova, neomicina, lievito

11 Cercate di evitare il vaccino della varicella fino alla pubertà

12 Prima di fare i richiami, chiedete che vengano fatti gli esami per la ricerca degli anticorpi specifici, da fare in un qualsiasi laboratorio attrezzato: se sono presenti fare il richiamo è INUTILE

13 Chiedete al vostro pediatra che venga fatta una cura per rinforzare, prima e dopo la somministrazione del vaccino, le difese immunitarie del vostro bambino. Molti pediatri prescrivono vit. C ed A o Omega3 a dosi terapeutiche.

14 Prima e dopo la vaccinazione, far seguire al bambino una dieta molto ricca di verdure, ortaggi, centrifugati freschi. Somministrare probiotici, evitare un carico eccessivo di cibi e bevande dolci.

E’ un vostro diritto:

1 Ricevere in anticipo il bugiardino contenente tutte le informazioni del vaccino che gli verrà somministrato. Questo è un obbligo per qualsiasi farmaco, vaccino compreso, in modo da poterlo leggere e valutare con calma, qualche giorno prima della vaccinazione.

2 Ricevere, contestualmente alla vaccinazione, il nome del vaccino usato, l’anno di produzione, il lotto di provenienza, il modo di somministrazione

è vietato il copia incolla, è possibile linkare la pagina. http://www.nuburg.it/autismo/vaccino/

A tutela si suggerisce di:

A – Prima di far vaccinare un bambino, fategli fare controlli approfonditi anche sulle abilità acquisite e fare mettere per iscritto il suo stato di buona salute. Al di sotto dell’anno di vita fate controllare il bambino da un neurologo per controllare lo stato di tutti i suoi riflessi primitivi e posturali: dovesse accadere qualcosa, avrete in mano un documento valido per assegnare le responsabilità.

B – Se, dopo un vaccino notate febbre ed altri sintomi anomali ricoverate il bambino e pretendete accertamenti immediati.

C – Qualsiasi rassicurazione vi dia un medico, fatevela mettere per iscritto.

D – Non firmate documenti che possano attribuire alla vostra responsabilità qualcosa che invece è prescritto per legge

è vietato il copia incolla, è possibile linkare la pagina. http://www.nuburg.it/autismo/vaccino/

Miti da Sfatare:

1 – L’autismo è causato esclusivamente dai vaccini: come è falso dire che il vaccino è innocuo (non lo è, vi sono bambini danneggiati gravemente, bambini che muoiono per i vaccini, altri che subiscono danni allo sviluppo irreversibili)
http://www.facebook.com/album.php?id=69667273997&aid=94644&s=0&hash=02afe4fa8021696581c8020e7887822c
è anche falso dire che tutti i bambini autistici lo diventano in seguito alle vaccinazioni. L’autismo è determinato da una concausa di fattori: un bambino gracile alla nascita, o che presenta dei riflessi primitivi o posturali attivi o mai sviluppati, in concomitanza di una febbre o influenza curata con farmaci vari, magari anche con un pizzico di fragilità al sistema immunitario SE VACCINATO è molto probabile che il vaccino, che già di suo è molto invasivo, diventi la ciliegina sulla torta, rendendo autistico, o cerebroleso, o ADHD o fisicamente o/e metabolicamente danneggiato il bambino. Per molti bambini è una causa scatenante laddove altrimenti la loro vita sarebbe stata normale, anche in presenza di delicatezze neurologiche o immunitarie. E’ per questo che consiglio grande cautela, vostro figlio è molto piccolo, queste predisposizioni potrebbero non essere rilevabili ad una rapida occhiata in una superficiale visita medica, potreste ritrovarvi a distanza di mesi, con un bambino neurologicamente disfunzionate, o a distanza di anni, con un bambino disprassico, o dislessico, o iperattivo…

2 – I medici sono infallibili: non è cosi, sono esseri umani, oggi più che mai spaventati dalle cause giuridiche intentate dai loro assistiti: se un medico sconsiglia i vaccini, sconsiglia psicofarmaci, sconsiglia chemio e radio, sconsiglia tac e risonanze magnetiche e radiografie e sorge un problema, i medici hanno le spalle scoperte e rischiano la professione e la rovina, se un assistito subisce un grave danno a seguito di una di queste pratiche, i medici sono tutelati dall’impossibilità, per il paziente, di dimostrarne la correlazione. Molti medici consigliano in buona fede, non sono aggiornati, qualcuno purtroppo consiglia in malafede. La nostra salute è esclusivamente nelle nostre mani, stiamo sempre attenti a quel che introduciamo nel nostro corpo.

3 – Evidenza Scientifica: nonostante sia ad oggi uno strumento di validità o di invalidità delle pratiche mediche, l’evidenza scientifica è basata su dati statistici fatti su esseri viventi: per quanto accurata, nessuna ricerca scientifica potrà mai confermare o smentire nulla, ne tantomeno riesce a tenere conto di tutte le infinite variabili fisiche, personali, ambientali, educative, sociali di cui è composto un essere vivente, ne tantomeno sarà mai possibile definire dei gruppi omogenei, vista l’assoluta specificità di ogni essere umano e del contesto in cui vive e si sviluppa. Nessuno potrà garantirci l’innocuità o la nocività di un farmaco altamente invasivo come un vaccino. Gli Stati adottano leggi differenti e a volte opposte nell’approvare o nel rifiutare un vaccino, anche questo è un dato significativo di cui tenere conto.

4 – Pubblicità e Campagne di informazione: anche se ormai siamo abituati a credere che dicano il vero o curino i nostri interessi, questi sono strumenti di marketing aziendale. Impariamo a ragionare con la nostra testa, fuori da ogni estremismo esiste il nostro buon senso.

5 – Roulette Russa: Non incrociate le dita e non giocate alla Roulette Russa decidendo della salute dei vostri figli: siate perfettamente consapevoli di quel che fate, qualunque cosa decidiate di fare, responsabilità e conseguenza sono vostre e di vostro figlio.

6 – I non vaccinati non veicolano malattie: tutti, potenzialmente veicoliamo malattie non esistono elementi sterili in natura – Una buona percentuale dei vaccinati NON acquisisce immunità e non per questo è ritenuto pericoloso o da ghettizzare.

continua….

è vietato il copia incolla, è possibile linkare la pagina. http://www.nuburg.it/vaccino


Leave a Reply