Omega3 e Cervello

cervello ed omega3

Gómez-Pinilla, professore di neurochirurgia e scienze fisiologiche allo UCLA, ha passato la vita a studiare gli effetti del cibo, del sonno e dell’esercizio fisico sul cervello. Ora ha deciso di pubblicare una sintesi delle ricerche più importanti a questo proposito, analizzando 160 studi d’eccellenza che trattano il ruolo dell’alimentazione nello sviluppo cognitivo. Il risultato dell’analisi, che verrà pubblicato sull’edizione di luglio di Nature Reviews Neuroscience, è già consultabile online e, soprattutto, rappresenta un vero e proprio elogio degli acidi grassi Omega-3.

OMEGA-3 – Nel riassunto ragionato degli studi più importanti emerge un effetto quasi miracoloso da parte di questi acidi grassi presenti nel pesce, nei crostacei, nelle mandorle, nelle noci, nei kiwi e in molte altri cibi. In sostanza gli Omega-3 agiscono sulla fluidità delle membrane cellulari, migliorando lo sviluppo cognitivo nei bambini e contrastando i processi degenerativi nelle persone anziane.

ALCUNI ESEMPI – Per esempio uno studio realizzato in Inghilterra ha dimostrato che le performance scolastiche di un gruppo di studenti «cresciuti» a Omega-3 erano più alte rispetto a quelle degli altri alunni. Analoghi risultati sono stati confermati da una ricerca australiana su 396 bambini tra i 6 e i 12 anni divisi in due gruppi a seconda delle sostanze assunte: il primo gruppo, cui erano stati somministrati acidi grassi Omega-3, ferro, acido folico, vitamine A, B6, B12 e C, mostrava un’intelligenza verbale e una facilità di apprendimento superiore al gruppo che non aveva ricevuto lo stesso apporto nutritivo. Infine anche una ricerca indonesiana su un campione di 394 bimbi conferma un legame direttamente proporzionale tra acidi grassi Omega-3 e sviluppo cerebrale, ma in questo caso mostra un’incidenza maggiore tra le bambine.

VARIABILI COLLEGATE – In sostanza gli acidi grassi Omega-3 influenzano soprattutto la memoria, l’orientamento spazio-temporale, l’attenzione, la fluidità di parola e la velocità di elaborazione cognitiva. Allo stesso modo la carenza di queste sostanze può aumentare il rischio di dislessia, di demenza, di depressione e di schizofrenia. L’isola giapponese Okinawa è uno degli esempi più calzanti della veridicità delle teorie illustrate: qui la gente mangia moltissimo pesce e fa molta attività fisica. Il risultato è che la popolazione dell’isola nipponica è una delle più longeve e il tasso di disordine mentale è a livelli minimi. Inutile specificare cosa pensi il Prof Gómez-Pinilla del cosiddetto junk food (cibo spazzatura) e dei fast food, considerato che i grassi saturi svolgono invece un ruolo esattamente opposto rispetto agli Omega-3. In tutti i casi, per sua stessa ammissione, da quando ha iniziato ad approfondire il ruolo dell’alimentazione nello sviluppo del cervello, il professor Pinella evita accuratamente certi cibi.

Emanuela Di Pasqua – 10 luglio 2008

tratto da: Corriere della sera – Salute

————————-
Fonte originale: Nature Reviews Neuroscience 9, 568-578 (July 2008) 

http://www.nature.com/nrn/journal/v9/n7/abs/nrn2421.html

Science and society: Brain foods: the effects of nutrients on brain function
Fernando Gómez-Pinilla1

AbstractIt has long been suspected that the relative abundance of specific nutrients can affect cognitive processes and emotions. Newly described influences of dietary factors on neuronal function and synaptic plasticity have revealed some of the vital mechanisms that are responsible for the action of diet on brain health and mental function. Several gut hormones that can enter the brain, or that are produced in the brain itself, influence cognitive ability. In addition, well-established regulators of synaptic plasticity, such as brain-derived neurotrophic factor, can function as metabolic modulators, responding to peripheral signals such as food intake. Understanding the molecular basis of the effects of food on cognition will help us to determine how best to manipulate diet in order to increase the resistance of neurons to insults and promote mental fitness.

Author affiliations

Fernando Gómez-Pinilla is at the Departments of Neurosurgery and Physiological Science, University of California at Los Angeles School of Medicine, Los Angeles 90095, California, USA.
Email: fgomezpi@mednet.ucla.edu

Leave a Reply