Lo Sviluppo dei figli appartiene alla Famiglia. Parte (1)

Premessa: Ho trovato questa Tesi specialistica, nel web. L’ha scritta un padre, medico, di una bambina con Problemi nello Sviluppo.  Io l’ho letta, contiene moltissimi spunti di riflessione, ma anche operativi. La famiglia, se si organizza, può fare davvero la differenza, nella qualità della vita e per lo stato di salute del proprio figlio, indipendentemente dall’handicap motorio e/o neurologico e quindi comportamentale di cui è affetto. Vi rimando al link originale, ma allo stesso tempo, inserisco stralci significativi di tutto il testo, cosi che possiate avere spunti per maturare in voi, che la chiave di decodifica della crescita del vostro figlio è nelle vostre mani. Questo testo vi aiuterà a comprenderlo a fondo.

Testo integrale di tutta la tesi: http://www.freewebs.com/giustogiusti/Tesi%20specializzazione%20Pilato.doc 

autismo-cerebrolesione-epilessia Università degli Studi Di Roma “Tor Vergata” , Facoltà di Medicina e Chirurgia A. A. 2001-2002
Scuola di Specializzazione in Medicina Legale e delle Assicurazioni  (Dir: Prof. Giusto Giusti)

Tesi di Specializzazione:
Efficacia della Riabilitazione Neuromotoria nella Riduzione del Danno

Specializzando Dott. Bruno Pilato, Relatore Dott. S. Mauriello

“Dedicato a mia figlia Valentina, costretta a vivere in una prigione grande quanto il suo corpo, eppure così felice ed entusiasta di vivere, maestra di vita, patrimonio prezioso per la famiglia e magnifico dono”

Premessa

Vivo con mia moglie Barbara, dal 17 febbraio 1986, l’esperienza di genitore di una figlia disabile: ho attraversato il tunnel dei sentimenti di fallimento e di impotenza di fronte alla patologia, mi sono rifugiato nella tecnica scomponendo Valentina in una serie di segmenti da trattare, ho percepito l’indifferenza e lo sgradevole obbligo della società di aiutarmi, sono stato ferito da “esperti” colleghi che negano un ruolo attivo e propositivo da parte dei disabili e delle loro famiglie.

Con il tempo ho capito che se uno è vivo, anche se gravissimo, vuol dire che, sotterrata dal danno, dal deficit, dalla disabilità, c’è una quota di salute fisica e psichica che può riaffiorare e incrementarsi a dispetto di tutte le sentenze obiettive, strumentali e protocollari.

Ho compreso di conoscere mia figlia meglio di chiunque altro e di essere una risorsa fondamentale per la sua evoluzione, e di ciò ringrazio Glenn Doman. Ho conosciuto la solidarietà dei volontari e sono testimone che non è un’utopia ma una conquista dovuta allo stendersi spontaneo della rete sociale e all’attivazione delle risorse che Valentina "infelice" ha saputo favorire, con la sua voglia di vivere, il suo entusiasmo, la sua allegria.

Per questi motivi quando il mio maestro, chiar.mo Prof. Giusto Giusti, mi ha assegnato il tema della tesi di specializzazione “Efficacia della riabilitazione neuromotoria nella riduzione del danno”, ho ritenuto imperativo centrare la ricerca sul ruolo della famiglia ed ho approfondito il tema

Questioni medico legali e ruolo della famiglia del portatore di handicap nella riduzione del danno”.

 

“continua… “

Leave a Reply